• Mobili antichi a Palermo

    Arredamenti antichi

  • Titolo.

    La galleria Roma Arte Due tratta anche mobili antichi a Palermo . È un settore dell'antiquariato particolarmente apprezzato anche in ragione delle caratteristiche pratiche di questi oggetti. Realizzati interamente a mano in un periodo in cui gli artigiani erano dei veri e propri artisti, rappresentano i gusti e le abitudini degli uomini della loro epoca. Grazie alla qualità dei materiali impiegati (spesso superiore a quella attuale) hanno attraversato indenni i secoli per diventare dei veri e propri pezzi da collezione. La produzione comprende tavoli, sedie, credenze, scrittoi, cassettoni, camere da letto, eccetera realizzati in legno massello e lavorati secondo lo stile predominante del loro tempo. Le essenze più usate furono il mogano, la quercia, il pino, il noce l'ebano e il palissandro; a quali si affiancò l'olmo per i mobili realizzati in Cina. Nel corso dei secoli, l'arte e la cultura influenzarono anche i gusti in fatto di arredamento, dando così vita a una serie di stili differenti.


    L'epoca della riforma influenzò la realizzazione di mobili in stile gotico, con tendenze lineare ed elementi ispirati all'architettura religiosa, come archi a tutto sesto e pilastri. L'intaglio fu la tecnica più utilizzata per i decori, che rappresentavano elementi vegetali, animali e figure umane dalle forme bizzarre. Il Rinascimento vide invece mobili dalle forme greco-romane con l'inserimento di elementi bizantini. Le decorazioni divennero molto elaborate e subirono anche influssi orientali, con l'introduzione di stelle, lune e arabeschi. Anche le innovazioni tecnologiche influenzarono la costruzione dei mobili, che divennero più leggeri e qualitativamente migliori. Lo stile barocco portò all'estremo l'interesse per la decorazione, con elaborati intarsi in ottone e tartaruga e finiture in bronzo cesellato e oro. Le forme furono volutamente esagerate, con decori che attirano l'attenzione più del mobile in sé.

  • <h4 style="display:none;"> Titolo.</h4>
  • <h4 style="display:none;"> Titolo.</h4>

    Titolo.

  • Titolo.

    Anche i mobili rococò, più leggeri ed eleganti, si fanno notare soprattutto per i preziosi intarsi spesso dorati o decorati con pitture, intagli e ornamenti in bronzo. I mobili di questo periodo sono rari e costosi, ma molto apprezzati per lo stile unico e la maestria con cui vennero realizzati. Sul finire del Settecento, gli ebanisti, come il resto degli artisti, riscoprirono il mondo classico, sviluppando quello che viene definito Neoclassicismo. Uno stile dalle lunghe linee verticali e orizzontali che spesso trasse ispirazione dalle colonne greche e romane. Anche gli elementi decorativi, più rari che in precedenza, furono di origine classica, e le dorature, se presenti, divennero molto più sobrie. In Francia, si diffusero anche i mobili in stile impero, con proporzioni pesanti e ampie superfici lisce. 


    Le decorazioni e gli intagli furono poco usati e i motivi erano ispirati al mondo egizio, greco e romano. L'Inghilterra vittoriana vide il diffondersi di uno stile molto particolare, che combinava elementi di epoche precedenti creando accostamenti stupefacenti. Grazie ai progressi della tecnica, che resero più agevole il lavoro degli ebanisti, la produzione di questi mobili fu molto vasta, anche se questo fece calare il valore artistico medio degli arredi. Proprio come per la pittura e la scultura, ogni epoca esprime la propria visione nel mondo anche nella realizzazione dei mobili. Presso Roma Due Arte è possibile trovare mobili antichi a Palermo risalenti a ogni epoca, con un'offerta in costante aggiornamento.

Mobili